MADONNA DELLE GRAZIE HEALTHCARE - MADONNA DELLE GRAZIE HEALTHCARE

MADONNA DELLE GRAZIE HEALTHCARE
Vai ai contenuti
Il ministro della Salute cerca di chiamare un CUP
Madonna delle Grazie Healthcare s'impegna per raggiungere la migliore qualità nelle prestazioni erogate, nella massima trasparenza e con grande responsabilità.
Siamo orgogliosi della nostra reputazione presso medici e pazienti.
Nel nostro sondaggio 2017 il 94% dei pazienti che hanno risposto al nostro questionario ha espresso la propria soddisfazione verso la nostra struttura, valutando positivamente, il personale medico per la completezza delle informazioni ricevute prima dell'esame e per l'esauriente spiegazione del referto. Altrettanto positivamente è stata valutata l'accoglienza e la disponibilità ricevuta dalle nostre segretarie.
Riportiamo la nostra performance in diverse aree chiave, tra cui la sicurezza del paziente e accogliamo con favore i Vs. commenti su come possiamo fornire prestazioni migliori.


MDGH

Risposte alle domande più freguenti.

La medicina nucleare è una specialità medica che viene utilizzata per diagnosticare e curare le malattie in modo sicuro e indolore. Procedure di medicina nucleare consentono di acquisire delle informazioni mediche che altrimenti potrebbero non essere disponibili, se non con un intervento chirurgico, o con più costose e invasive procedure. Tale diagnostica spesso identifica anomalie molto presto nella progressione di una malattia, molto prima che alcuni problemi siano evidenti con altri test diagnostici. Questo consente una diagnosi precoce della malattia da trattare consentendo una prognosi più favorevole.

Medicina nucleare si riferisce alla medicina (un farmaco) che è collegata ad una piccola quantità di materiale radioattivo (un radioisotopo). Questa combinazione è chiamata radiofarmaco. Ci sono molti radiofarmaci differenti disponibili per studiare diverse parti del corpo. Quale radiofarmaco utilizzare dipende dalla condizione da diagnosticare.

I radiofarmaci sono introdotti nel corpo del paziente per iniezione, deglutizione, o inalazione. La quantità somministrata è molto piccola. La parte farmaceutica del radiofarmaco è stata progettata per andare in un posto specifico nel corpo dove ci potrebbe essere una malattia o un'anomalia. La parte radioattiva del radiofarmaco che emette radiazioni, note come raggi gamma (simile a raggi X), viene poi rilevata utilizzando una fotocamera speciale chiamata gamma camera. Questo tipo di fotocamera consente al medico di medicina nucleare di vedere ciò che sta accadendo all'interno del corpo. Durante questa procedura, al paziente viene chiesto di sdraiarsi su un lettino e poi la gamma camera è posta a pochi centimetri sopra il corpo del paziente. Le immagini sono acquisite nel corso di pochi minuti. Queste immagini permettono ai medici specialisti di medicina nucleare di formulare una diagnosi della malattia del paziente.

A seconda del tipo di immagini che si devono ottenere, queste fotocamere (collimatori) opereranno in modo stazionario, si muovono sopra il corpo o ruotano intorno al corpo. Non fanno male, né fanno rumore che potrebbe spaventare i pazienti. Inoltre, a differenza di altri dispositivi di imaging, ad esempio TAC, ultrasuoni e risonanza magnetica, le gamma camere non trasmettono alcuna radiazione al paziente.

Assolutamente. Come ogni medicina, sono preparati con grande cura. Prima di essere utilizzati, sono provati con attenzione e sono approvati per l'uso. La quantità della parte farmaceutica del radiofarmaco è molto piccola, generalmente 1/10 di milionesimo di un grammo. Il rischio di una reazione è di 2-3 casi per 100.000 iniezioni, oltre il 50% delle quali sono eruzioni cutanee, rispetto a 2000-3000 per 100.000 iniezioni di mezzi di contrasto x-ray.

Affatto. Sono dati in una piccola dose, poche gocce.

La radioattività somministrata ad un paziente non presenta alcun rischio per la salute dimostrabile. La quantità impiegata è piccola, quanto basta per ottenere immagini chiare e precise. Come risultato, l'esposizione alle radiazioni è molto bassa con poco o nessun rischio. La dose di radiazione ricevuta da un paziente per una media procedura diagnostica è di 300 mrem. Questa è uguale o addirittura inferiore alla dose di radiazione di fondo naturale ricevuta su base annua da quasi tutte le persone che vivono negli Stati Uniti e in molte altre parti del mondo, durante il corso della vita quotidiana. Questa esposizione alle radiazioni naturali proviene dallo spazio, rocce e suolo. Ci sono anche esposizioni a radiazioni da prodotti di consumo, come i rilevatori di fumo domestico, televisori a colori, materiali da costruzione, la fornitura di acqua per uso domestico.

La medicina nucleare può diagnosticare diversi tipi di malattie. Può essere utilizzata per identificare lesioni anomale profonde nel corpo senza chirurgia esplorativa. Le procedure possono anche stabilire se alcuni organi funzionano normalmente. Ad esempio, la medicina nucleare può determinare se il cuore può pompare il sangue in modo adeguato, se il cervello riceve un adeguato apporto di sangue, e se le cellule cerebrali funzionino correttamente o meno. La medicina nucleare può determinare se i reni funzionano normalmente, e se lo stomaco è svuotato correttamente. Può determinare il volume di sangue del paziente, la funzione polmonare. La medicina nucleare può individuare la frattura ossea piccola prima che possa essere vista su una radiografia. Si possono anche identificare i siti di convulsioni (epilessia), il morbo di Parkinson e il morbo di Alzheimer. La medicina nucleare può trovare tumori, determinare la risposta al trattamento, e determinare se le ossa infette guariranno. Dopo un attacco di cuore, alcune procedure di medicina nucleare sono in grado di valutare i danni conseguenti. Si possono, anche, dare indicazioni su quanto sono funzionanti gli organi trapiantati.

Solo negli Stati Uniti ci sono circa 5.000 centri di medicina nucleare che eseguono quasi 18 milioni di procedure all'anno.

Assolutamente. Molti pazienti hanno eseguito diverse procedure in un anno per valutare il decorso della loro patologia. Il tuo medico ti aiuterà a decidere ciò che è meglio per te.

Dopo la maggior parte delle procedure di medicina nucleare è generalmente meglio bere molti liquidi per urinare frequentemente. Questo aiuta a lavare la radioattività residua dal vostro corpo.E', comunque, consigliato, il contatto diretto con bambini e donne in gravidanza nelle successive 24 ore dopo la somministrazione del radiofarmaco.

Sì. Il medico che supervisiona la procedura e interpreta i risultati è un medico specializzato e certificato.

La medicina nucleare è più vecchia della TAC della RM e degli ultrasuoni. Per la prima volta è stata usata in pazienti nel 1946. Oggi è una specialità medica consolidata, praticata ogni giorno in tutti i principali paesi del mondo. Si stima che 17-20 milioni di procedure di imaging di medicina nucleare (scintigrafie) siano eseguite ogni anno negli Stati Uniti.

Tariffe agevolate (2019) per i costi a carico del paziente. Per informazioni telefonare al numero 06.8607500.

L.go di Villa Bianca, 11 - Roma
Tel.: +39 068607500
Torna ai contenuti